Back to Top

Acquaviva Sabino S., Il seme religioso della rivolta, Rusconi, 1979

Acquaviva Sabino S.


Il seme religioso della rivolta

Rusconi


Stato di conservazione:

OTTIMO

Disponibilità: SI 

- solo 1 copia!

€ 8,00
O

Scheda del libro

Autore Acquaviva Sabino S.
Titolo Il seme religioso della rivolta
Editore
Rusconi
Luogo di edizione Milano
Anno di pubblicazione 1979
Collana
Problemi attuali
Edizione
I edizione
ISBN / # catalogo 606
Lingua
italiano
Pagine / contenuti pp. 151
Formato cm 18,5 x 11,5
Legatura brossura
Stato di conservazione OTTIMO
Qualità
Prezzo € 8,00

Altre informazioni

La religione istituzionale è in crisi, l'individuo tende sempre più spesso a vivere una religiosità intima, ad avere una maniera personale di essere religioso, che è anche difesa contro un mondo irreligioso, consumistico, per certi versi oppressivo della personalità e delle sue aspirazioni. La nuova religiosità si sviluppa tra neoevangelismo laico, neomisticismi e rifiuto delle strutture politiche, partitiche e tecnocratiche.
Questa nuova religiosità non è vissuta come spazio del consenso, ma del dissenso, del rifiuto: non difende le istituzioni, ma è rivolta, o almeno giustificazione della rivolta contro il potere e i suoi valori alienanti.
Per sostenere la sua ipotesi Sabino S. Acquaviva richiama brevemente la storia della crisi delle religioni istituzionali, della pratica religiosa, dell'appartenenza alle Chiese (profetiche, carismatiche, ideologiche), descrive l'emergere di una religione prevalentemente soggettiva e non formale, di una nuova maniera di dare significati ultimi alla vita. Insieme all'irreligione Acquaviva vede nascere una religione che si fonda su valori alternativi, quindi potenzialmente rivoluzionaria.

(dalla quarta di copertina)

Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati