Back to Top

Del Buono Oreste, Poco da ridere, De Donato, 1976

Del Buono Oreste


Poco da ridere

De Donato


Stato di conservazione:

MOLTO BUONO, minime tracce d'uso e del tempo alla sovraccoperta, volume in perfette condizioni, solo leggermente ingiallito ai tagli

Disponibilità: SI 

- solo 1 copia!

€ 15,00
O

Scheda del libro

Autore Del Buono Oreste
Titolo Poco da ridere
Sottotitolo Storia privata della satira politica dall' "Asino" a "Linus"
Editore
De Donato
Luogo di edizione Bari
Anno di pubblicazione 1976
Collana
Dissensi
Numero 79
ISBN / # catalogo 3894
Lingua
italiano
Pagine / contenuti pp. 145
Formato cm 17,5 x 10
Legatura brossura con sovraccoperta
Stato di conservazione MOLTO BUONO, minime tracce d'uso e del tempo alla sovraccoperta, volume in perfette condizioni, solo leggermente ingiallito ai tagli
Qualità
Prezzo € 15,00

Altre informazioni

La satira politica - quella disegnata e 'parlante', dalle 'vignette' dell'«Asino» a quelle della «Repubblica», dalla striscia di «Linus» a quella di «Panorama» - va di moda: storie seriose, epitomi, reprint, nostalgiche celebrazioni accomunano 'classici' e 'avanguardisti'. Un'illustre scomparsa? Ma non era appena rinata? Di che vive, di che può morire, oggi, la satira politica in Italia?
Oreste Del Buono - che nella satira è di casa da tempo, avendo esordito nel Cestino del «Bertoldo» assai prima di dirigere il «Linus» di Chiappori, Pericoli & Pirella & Co. - tenta di risolvere il dubbio interrogando, a sua volta, in forma 'privata', cioè intima e brutale, casi e personaggi della satira politica nostrana.
Dall'«Asino» di Podrecca e Galantara al «Becco giallo» e all'«Uomo Qualunque» di Guglielmo Giannini, dal Mosca del «Bertoldo» al «Candido» di Guareschi, fino al 'suo' «Linus».
Il risultato è sconcertante: anche i 'caratteri' più risaputi si scompongono in una inquietante ambiguità. Podrecca, il mangiapreti, finisce, nel '19, in lista fra Mussolini e Marinetti; prima di inventare il «Merlo» filofascista e l'«Uomo Qualunque» qualunquista, Giannini firma il «Becco giallo» insieme al fior fiore dell'antifascismo in esilio; il grande Maccari del «Selvaggio», perseguitato dai gerarchi, non fu, a modo suo, 'fascista'? E allora? Probabilmente, nell'Italia degli anni '70, anche la satira politica non può non essere nuova, imprevedibile, tutta da inventare. Il passato, gli antenati, hanno poco da insegnare.

(dal risvolto di copertina)




Fuori catalogo!




 

Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati