Back to Top

Gortani Michele, L'arte popolare in Carnia. Il Museo Carnico delle Arti e Tradizioni popolari, Società Filologica Friulana, 1965

Gortani Michele


L'arte popolare in Carnia. Il Museo Carnico delle Arti e Tradizioni popolari

Società Filologica Friulana


Stato di conservazione:

OTTIMO, fioriture ai tagli, alle prime e ultime pagine, per il resto in ordine

Disponibilità: SI 

- solo 1 copia!

€ 50,00
O

Scheda del libro

Autore Gortani Michele
Titolo L'arte popolare in Carnia. Il Museo Carnico delle Arti e Tradizioni popolari
Editore
Società Filologica Friulana
Luogo di edizione Udine
Anno di pubblicazione 1965
Edizione
I edizione
ISBN / # catalogo 4588
Lingua
italiano
Pagine / contenuti pp. 524, con numerosissime ill. b.n. e a col.
Formato cm 27,8 x 22
Legatura cart. edit. in tutta tela con acetato protettivo
Note A cura di Luigi Ciceri
Stato di conservazione OTTIMO, fioriture ai tagli, alle prime e ultime pagine, per il resto in ordine
Qualità
Prezzo € 50,00

Altre informazioni

Amor mi mosse, che mi fa parlare...
amore verso la mia terra e la sua gente, la sua vita, le sue tradizioni. Nel ricercare, dopo le devastazioni della guerra 1915-18, quali delle patrie memorie si potevano rintracciare, esultammo nello scoprire quali tesori rimanevano ancor a testimoniare il gusto e la capacità tecnica degli artigiani carnici. Abilità e buon gusto non limitati alle abitazioni, nelle loro strutture e nei mobili, ma estesi agli attrezzi da lavoro, ai doni per le spose, alla biancheria da casa, agli arnesi più umili della cucina.
Amore alla casa, alla famiglia, al lavoro: le virtù cardinali di una stirpe forte e gentile, i cui esponenti maggiori sono due grandi artigiani. Giacomo Ceconi di Montececon, principe dei costruttori, e Jacopo Linussio, creatore fra i suoi monti della più grande industria del sec. XVIII.
Amore dunque è il sentimento all'origine del Museo Carnico delle Arti e Tradizioni popolari.

(p. 11)

 

 

Bel volume con numerosissime foto (la maggior parte in bianco e nero, alcune a colori), contiene una rassegna degli oggetti e dei manufatti conservati presso il Museo di Tolmezzo (inaugurato nel 1964): oggetti di uso domestico, mobili, casse nuziali, letti, culle, armadi, inginocchiatoi, lampade, tavoli, abiti, costumi popolari, ritratti, oggetti in ferro battuto, rame, ottone e bronzo, ceramiche, maschere, strumenti da lavoro...

 

 

Spedizione gratuita con corriere espresso!

 

 

Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati