Back to Top

Reich Wilhelm, L'assassinio di Cristo, SugarCo, 1991

Reich Wilhelm


L'assassinio di Cristo

SugarCo


Stato di conservazione:

MOLTO BUONO, tagli ingialliti, lievi segni di piegatura al dorso, rare sottolineature a penna (solo su 4 pagine), per il resto ottimo

Disponibilità: SI 

- solo 1 copia!

€ 9,00
O

Scheda del libro

Autore Reich Wilhelm
Titolo L'assassinio di Cristo
Sottotitolo La peste emozionale dell'umanità
Editore
SugarCo
Luogo di edizione Milano
Anno di pubblicazione 1991
Collana
Tasco
ISBN / # catalogo 9788871981079
Lingua
italiano
Pagine / contenuti pp. 327
Formato cm 19,5 x 12
Legatura brossura
Note Traduzione di Marco Amante
Stato di conservazione MOLTO BUONO, tagli ingialliti, lievi segni di piegatura al dorso, rare sottolineature a penna (solo su 4 pagine), per il resto ottimo
Qualità
Prezzo € 9,00

Altre informazioni

Tutte le religioni si sono rivelate sempre strumenti di oppressione e di miseria. La rappresentazione della figura di Cristo non significa un recupero della religione cattolica, ma semplicemente la sua reintegrazione in una visione materialista e sensuale della vita. Cristo, dal punto di vista di Reich, appare un uomo giovane, forte, che non predica castità o ascetismo, ma che dispensa parole d'amore. Egli diventa, quindi, il simbolo, l'incarnazione esemplare della sensualità, l'espressione più completa del carattere genitale. Se queste caratteristiche ne spiegano da un lato la luminosità e il fascino che esercitava sulla folla, dall'altro risultano essere le cause del suo tragico destino.

(dalla quarta di copertina)




L'analisi della figura di Gesù secondo le teorie dello psicoanalista e medico austriaco Wilhelm Reich (1897-1957).




Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati